Sardegna: come muoversi per un tour completo

670

La Sardegna è una delle mete più ambite dagli avventori italiani e stranieri. Ogni anno migliaia di turisti si riversano nella splendida isola a largo del Tirreno per godere delle sue bellissime spiagge, per le attrazioni storiche, per la natura incontaminata e l’ottima offerta enogastronomica.

La Sardegna, tuttavia, è un’isola particolare. La sua estensione e le varie tipologie di scenario paesaggistico fanno si che nel momento in cui pensiamo a un tour globale (o anche solo parziale) dell’isola sarà fondamentale capire come muoversi, anche per non vanificare i giorni di vacanza con spostamenti poco funzionali, e viceversa ottimizzare i tempi approcciando a questa bellissima terra in modo ragionato e goderne quindi al meglio.

Per esempio, partiamo dal presupposto che per il turismo italiano il mezzo di elezione per raggiungere la Sardegna è senza dubbio il traghetto. Traghetti Sardegna è infatti la ricerca più utilizzata sui motori web ed effettivamente l’offerta è davvero ampia e anche molto conveniente. Vediamo perché.

Spostarsi in auto in Sardegna

Utilizzare il traghetto per raggiungere la Sardegna consente di arrivare all’isola in tempi relativamente brevi ed essere da subito immersi nello splendido clima dell’isola, senza noiose lungaggini obbligate dalla routine aeroportuale. Inoltre, aspetto di primaria importanza, il traghetto consente il trasporto di un mezzo di locomozione personale come l’auto o la moto, che si rivelerà particolarmente utile per le gite lungo tutto il territorio sardo.

Spostarsi in auto con la famiglia in Sardegna è fondamentale per godere a pieno delle bellezze dell’isola. È noto infatti che molte spiagge o “cale” del posto non siano perfettamente raggiungibili se non privatamente. I mezzi pubblici hanno una copertura parziale mentre le navette sono di solito relegate a servizio privato di resort e villaggi oppure inquadrate in gite specifiche che non sempre toccano punti davvero imperdibili dell’isola.

La moto o l’auto garantiscono invece la giusta autonomia per fare delle gite nei luoghi più belli della Sardegna e, dettaglio non di poco conto, gestire in perfetta libertà i tempi e gli orari di viaggio e rientro.

A tal proposito: ricordiamo che la rete stradale sarda è molto variegata. Se da una parte vanta una buona ramificazione di superstrade che consentono di attraversare l’isola e raggiungere diverse città in tempi brevi, dall’altra bisogna considerare che tutta la parte litoranea, così come buona parte dell’entroterra, sono servite da strade secondarie, spesso montuose e piene di curve.

Questo significa che il tragitto calcolato per gli spostamenti sarà bene che tenga conto non soltanto della distanza da percorrere, ma anche della tipologia di strada: un sentiero semi-montuoso pieno di curve e senza possibilità di superamenti richiederà molto più tempo di uno rettilineo.

Prezzi traghetto Sardegna

Dal punto di vista dei prezzi la Sardegna offre molte possibilità in termini di traghetti. Ovviamente, porto di partenza a parte, bisognerà tenere conto del periodo prescelto. Nell’alta stagione è chiaramente consigliabile anticiparsi quanto più possibile nella prenotazione al fine di evitare sold-out che richiederebbero una variazione inattesa sul programma di viaggio.