L’importanza dell’acqua di casa

89
CONDIVIDI

Ormai siamo sempre più abituati a darla per scontata, ma l’acqua che esce dai rubinetti di casa nostra è un bene estremamente prezioso conquistato a fatica e da difendere a tutti i costi. Fortunatamente in Italia siamo ben messi quanto ad acqua potabile: le ultime ricerche hanno infatti evidenziato l’elevata qualità delle nostre falde acquifere, salvo alcune aree ben delimitate particolarmente problematiche per via di inquinamenti naturali (come nel caso dell’alto Lazio e del catanese) o artificiale (come in alcune zone industriali tra Veneto e Lombardia).

Possiamo discutere molto sul gusto dell’acqua che beviamo, ma a livello di purezza generalmente non ci sono problemi. Se però avete qualche dubbio, non esitate a far analizzare un campione presso laboratori esterni e le Asl. Nel caso in cui venisse riscontrata una contaminazione della vostra acqua, non disperatevi: non c’è bisogno di trasferirvi immediatamente, ma basta rivolgersi ad aziende specializzate nella depurazione per capire quale prodotto è il migliore per il vostro caso.

Tra le imprese top del settore c’è senza dubbio da segnalare H2Optima. Dal 2004 quest’azienda ha ottenuto l’esclusiva di Cleone (della svedese Bluewater), considerato nel settore come “il carro armato” dei depuratori di acqua, grazie alla sua affidabilità. I loro prodotti, che non si limitano solo al già citato Cleone, uniscono quello che è il meglio offerto dalla tecnologia americana ed europea nell’ambiente delle tecnologie per la casa. Molto attenta all’aspetto ecologico, H2Optima punta a rendere il consumatore finale non solo consapevole di quello che acquista, ma anche di quello che è l’impatto del suo stile di vita sul mondo che lo circonda.

In questo contesto e con l’assoluta emergenza plastica che stiamo vivendo, bisogna cercare tutti insieme di invertire la rotta. Nonostante la fortunata situazione idrica italiana (ben migliore di molte altre nazioni), nel nostro Paese vengono consumate ogni anno oltre 8 milioni di bottiglie di plastica (primato europeo) semplicemente perché (salvo le eccezioni già citate prima e poche altre ancora) non ci piace il sapore dell’acqua che beviamo.

Ecco quindi che le tecnologie proposte dalla H2Optima per il mercato italiano rivestono anche un ruolo “sociale” perché contribuiscono non solo a garantire la qualità della vita in casa, ma anche fuori.

Questo prodotto, una volta installato, garantisce che l’acqua del nostro rubinetto sia purificata (quindi potabile) e adatta al consumo alimentare (perfetta sia per bere che per cucinare). L’impianto ad osmosi inversa, oltre a desalinizzare e purificare (togliendo la quasi totalità di microparticelle terze, sia nocive che in eccesso), favorisce anche la giusta quantità di sali minerali, grazie ad un secondo processo che potremmo chiamare di “remineralizzazione”.

Il depuratore di acqua Cleone è una tecnologia dell’azienda svedese Bluewater, di cui H2Optima è l’unico rivenditore autorizzato per il mercato in Italia. Negli anni il prodotto si è affermato sempre di più grazie all’elevata qualità tecnica che consente, a fronte di una manutenzione costante, ma minima, di godere dei suoi benefici per molti anni. In più, rispetto ad altri macchinari dello stesso settore, il periodo di ammortamento è molto breve.

Cosa si intende, però, per “periodo di ammortamento” e perché è così importante quando dobbiamo affrontare questo genere di spesa? Si tratta di quell’arco di tempo che passa da quando acquistiamo un prodotto (o un servizio) a quando siamo completamente rientrati dei soldi usati grazie ai benefici derivati da quella transazione. Vi faccio un esempio pratico: se il depuratore che voglio comprare costa 100 e la mia famiglia spende al mese 10 in bottiglie d’acqua, mi ci vorranno dieci mesi (100 : 10) per rientrare dell’importo, prima che io inizi a guadagnare grazie proprio a quell’acquisto fatto. Ovviamente, più il periodo di ammortamento è basso, più la transazione risulterà conveniente.

Come vi trovate con l’acqua di casa vostra? Avete mai pensato ad installare un depuratore? Se si, per motivi di gusto o per altre ragioni?

Loading...