Il costume da bagno: come scegliere quello più adatto alle proprie forme

54
CONDIVIDI

Nella società moderna il costume da bagno è diventato un capo di abbigliamento irrinunciabile: da utilizzare al mare ed in piscina durante il periodo estivo, ma anche in inverno per rilassarsi in Spa o al bagno turco. Le sue origini, al contrario di quello che si potrebbe pensare, sono assai antiche. Infatti, alcuni mosaici di epoca romana rappresentano delle donne abbigliate con un indumento che ricorda molto un bikini a fascia.

Bisogna precisare però che l’uso che ne veniva fatto era assai differente rispetto a quello attuale. Infatti, il costume veniva indossato solo in occasione delle esibizioni atletiche e non come capo di abbigliamento adatto per nuotare o per prendere il sole. Con il passare del tempo questo particolare indumento ha subito numerose evoluzioni ed ancora oggi non sembra aver trovato una forma definitiva di espressione.

Infatti, ogni anno gli stilisti e le case di moda più importanti cercano di apportare delle modifiche accattivanti, in grado di lasciare a bocca aperta. Il problema è quando ci si trova ad acquistare costumi da bagno, poiché non è sempre facile capire quale sia il modello in grado di valorizzare al meglio il proprio fisico. Il primo segreto per riuscire in tale impresa è puntare alla qualità, che viene garantita dai brand più prestigiosi, come Banana Moon, che da sempre sceglie materiali di eccellenza ed è alla continua ricerca di soluzioni in grado di valorizzare tutte le fisicità.

I consigli per trovare il costume da bagno giusto

Per la maggior parte delle donne, scegliere il costume giusto può diventare una vera e propria impresa, indipendentemente dall’occasione in cui deve essere sfoggiato, poiché i modelli disponibili sono numerosi, ma non tutti si adattano ad ogni tipo di fisicità. Del resto, il costume da bagno, esattamente come gli altri indumenti, deve riuscire ad esaltare i pregi fisici della persona che lo indossa e nasconderne i difetti.

Di fatto, esiste la soluzione giusta per ogni tipo di silhouette, basta sapere cosa cercare. In caso di fisico generoso e seno pronunciato, la cosa migliore è optare per i costumi interi o per i bikini a balconcino, in modo da mettere il più possibile in risalto il décolleté e la zona delle spalle. Da evitare per il sotto sono le culotte e gli short, poiché tendono a segnare eccessivamente pancia e fianchi. Se è possibile, è meglio scegliere uno slip morbido e regolabile con i laccetti.

In caso di fisico asciutto sono da preferire, invece, i due pezzi a triangolo. Vanno bene fantasie geometriche, righe e disegni, ma per risultare più sofisticate è meglio scegliere eleganti combinazioni di colori, come il bianco, il rosso ed il blu. Altro importante consiglio: sono da evitare i costumi a fascia in caso di corporatura proporzionata, ma altezza ridotta. Inoltre, i monokini e gli oblò, che sono assai di tendenza, sono indicati soprattutto per le donne magre, poiché tendono a mettere in risalto qualunque imperfezione.

Cosa abbinare al costume da bagno per essere sempre perfette

Il costume da bagno è un capo di abbigliamento che si presta ad interessanti abbinamenti. Di solito, viene accompagnato ad un pareo o ad un copricostume, che devono essere rigorosamente in pendant. Ciò è l’ideale soprattutto se si va al mare o in piscina. Tuttavia, il costume può essere utilizzato anche come indumento da sfoggiare sotto a vestiti o magliette trasparenti, in quanto permette di mantenere una certa discrezione, esaltando al contempo le forme.

Tuttavia, i costumi da bagno si abbinano bene anche con i bijou. Non a caso le celebrities spesso vengono immortalate in spiaggia con tanto di orecchini pendenti, catene e catenelle, e bracciali vistosi. L’importante è scegliere preziosi caratterizzati da materiali resistenti, in modo che non si rovinino a contatto con l’acqua ed il sole.

Loading...