Cure palliative: che cosa sono e a cosa servono

111
cure palliative

Si sente spesso parlare di cure palliative, ma sappiamo veramente di che cosa si tratta? Secondo quanto sancito dalla legge 38/2010, le persone che soffrono di dolore cronico possono usufruire di trattamenti terapeutici mirati, in grado di ridurne l’intensità.

Di fatto, le cure palliative, tra le quali rientra anche la sedazione profonda, secondo la definizione fornita dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), costituiscono “un approccio volto a migliorare il più possibile la qualità della vita di persone colpite da malattie inguaribili e delle loro famiglie, attraverso la prevenzione e il sollievo dalla sofferenza per mezzo di una identificazione precoce e di un ottimale trattamento del dolore e delle altre problematiche di natura fisica, psicosociale e spirituale“.

Ma chi può usufruirne e quale scopo hanno nello specifico? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza al riguardo.

Chi può usufruire delle cure palliative e della terapia del dolore?

Hanno diritto alle cure palliative ed alla terapia del dolore tutti i malati, non solo quelli soggetti da patologia terminale. Del resto esistono diverse tipologie di dolore cronico, che possono essere collegate a traumi od a patologie, ma spesso sono riconducibili a malattie di tipo osseo, metabolico, oncologico e reumatico.

In Italia si stima che le persone che necessitano di questo tipo di trattamenti sono circa il 20% della popolazione, in pratica un italiano su quattro ed è la principale causa delle assenze dal lavoro in Europa. Ma come si fa ad accedere alle cure palliative? Basta recarsi presso strutture di ricovero dedicate, ovvero Hospice e UOCP (Unità Ospedaliere di Cure Palliative).

Tuttavia, anche presso il domicilio della persona, attraverso la cosiddetta Ospedalizzazione Domiciliare per le Cure Palliative (ODCP) e l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), mediante il voucher socio-sanitaro. Di fatto, per accedere ai servizi, che sono un diritto del cittadino, è possibile contattare il medico di famiglia, le strutture per le cure palliative e i servizi ADI dell’ASL di residenza.

cure palliative domiciliari

Le cure palliative per donare dignità a chi soffre

Di fatto, le cure palliative si rivolgono principalmente a quelle persone che sono esposte maggiormente al dolore intenso dovuto al manifestarsi di particolari patologie. Ed è proprio tra queste che si riscontra spesso il desiderio di porre fine all’esistenza, in quanto concepita come unica via di uscita possibile alla sofferenza.

I trattamenti terapeutici mirati per contrastare il dolore sono in questi casi fondamentali, in quanto possono generare sollievo e portare ad allontanare tali pensieri. Oltre al ridurre la sofferenza, le cure palliative, tuttavia, hanno come scopo primario quello di preservare il più possibile la dignità alla fine della vita. Del resto, come riportato dalla legge, il dolore lede la dignità del malato ed incide profondamente sulla qualità della sua esistenza.

Anche perché chi soffre di dolore cronico, spesso, assume dosi massicce di antinfiammatori, che, a lungo andare, possono provocare problemi a livello gastrico, epatico, renale e cardiovascolare. Purtroppo la maggior parte delle persone ignora l’esistenza di questa importante possibilità, ma soprattutto dei centri specializzati nella cura del dolore.

Loading...