Come fare le candele profumate in casa: 5 facili consigli

104

Volete realizzare delle candele profumate con il fai da te? Allora prima di tutto vi suggeriamo di seguire i nostri consigli, perché se è vero che il procedimento non è difficilissimo, è altrettanto vero che esistono vari modi per creare delle candele profumate in casa e la scelta degli ingredienti può fare una grandissima differenza. Ecco dunque alcune dritte che sicuramente vi torneranno utili e vi permetteranno di ottenere delle bellissime candele in grado di diffondere un ottimo profumo in tutta la casa.

#1 Scegliete una buona cera vegetale

La prima cosa che vi occorre se volete realizzare delle candele profumate in casa è la cera e su questo aspetto conviene prestare una certa attenzione perché ne esistono varie tipologie in commercio. Le migliori sono quelle vegetali, perché prive di sostanze nocive per la salute e piuttosto semplici da utilizzare. Noi consigliamo sempre la cera di soia, che è quella impiegata anche per realizzare le candele profumate Woodwick e vanta delle ottime caratteristiche. Ha infatti un basso punto di fusione ed un odore gradevole e delicato già di suo, il che la rende perfetta per questo scopo. Inoltre, la cera di soia è semplice da lavorare e non necessita dell’aggiunta di burro o di olio: cosa che invece accade se si utilizza ad esempio quella di riso.

#2 Come ottenere un profumo perfetto

Se volete che le vostre creazioni siano profumate, avete due alternative. La prima, che è anche la più semplice, è utilizzare gli avanzi di altre candele come le Yankee Candle o le Woowick che sono le migliori in quanto a fragranze. Potete scioglierli insieme alla cera, semplicemente mescolandoli ad essa. La seconda opzione è quella di acquistare degli oli essenziali ed aggiungerli al composto quando è liquido. Attenzione però a non esagerare: bastano pochissime gocce per rendere profumatissime le vostre candele!

#3 Aggiungete un tocco di colore alle candele

Se volete aggiungere un tocco di colore alle vostre candele profumate, vi basta acquistare dei coloranti naturali di origine vegetale: in commercio se ne trovano ormai di varie tipologie dunque non dovreste incontrare alcun problema nel reperirli. A seconda del colorante scelto, seguite le istruzioni perché anche in questo caso il dosaggio deve essere effettuato nel modo corretto altrimenti rischiate di sprecare moltissimo prodotto per nulla.

#4 Fate sciogliere la cera a bagnomaria

Un errore che commettono in molti durante la realizzazione delle candele fai da te è quello di mettere il pentolino con la cera direttamente sulla fiamma. Così facendo aumenta il rischio di bruciare tutto nel giro di qualche secondo. La cosa migliore da fare dunque è quella di sciogliere la cera lentamente, a bagnomaria: è più sicuro ed è anche molto più difficile che il composto inizi a bruciare.

#5 Immergete lo stoppino nella cera

Il segreto per evitare che lo stoppino crei fumo alla prima accensione? Basta immergerlo per qualche secondo nella cera sciolta, dopodiché toglierlo e metterlo ad asciugare su un foglio di carta stagnola. Fatto questo, inseritelo nella vostra candela all’ultimo, prima di lasciarla indurire.