Less is more: le regole fondamentali dell’abbigliamento minimal

20
CONDIVIDI

Nell’era dell’esagerazione e dell’eccesso, il detto “Less is more” risuona come una nuova ed importante conquista. Infatti, la semplicità, al contrario di quello che si potrebbe pensare, paga sempre, soprattutto nel look. Per questa ragione, la maggior parte dei designer cerca di proporre forme, tagli e colori il più possibile neutri, ma in grado di trasmettere un forte impatto visivo. Di fatto, vestire basic oggi è di grande tendenza ed è anche un evergreen. Infatti, già la celebre Coco Chanel all’apice del successo affermava: “La semplicità è la nota fondamentale di ogni vera eleganza“.

Tuttavia, è veramente possibile riuscire a farsi notare ed a suscitare interesse anche optando per un outfit senza fronzoli? Le fashion victim ed anche le influencer da qualche tempo affermano a gran voce che il guardaroba minimalista non è per niente noioso. L’importante è sapere come padroneggiarlo al meglio, in modo da renderlo ogni giorno innovativo. Ecco, quindi, qualche regola fondamentale per evitare di commettere errori imperdonabili.

Le regole fondamentali da tenere a mente

Per riuscire a seguire la regola del Less is more è necessario prima di tutto avere nell’armadio alcuni capi ed accessori essenziali. In particolare è bene possedere almeno una t-shirt bianca, una camicia maschile, dei jeans a gamba dritta, un cappotto sartoriale ed un paio di stivaletti neri. Importante per chi vuole imboccare la strada dello stile minimal è anche la scelta dei colori.

Di fatto, vanno bene il bianco ed il nero, ma anche il beige ed il blu notte. Non bisogna dimenticare di dare importanza ai tagli, che devono essere possibilmente sartoriali. Del resto, bisogna considerare che l’occhio non viene distratto da fantasie o decorazioni particolari. Dunque, deve esser ben appagato dal punto di vista del design.

Per quanto riguarda, invece, le stampe è bene sottolineare che non devono necessariamente essere bandite dal guardaroba, ma devono essere utilizzate con parsimonia. Importante è anche la pulizia, che deve riguardare sia i capi di abbigliamento che gli accessori. Di fatto, le borse devono avere una forma geometrica ed i gioielli devono essere rigorosi, in oro o argento.

Altri aspetti da non tralasciare se si punta al Less is more

Non bisogna per forza rinunciare al colore, ma è necessario imparare a dosarlo con attenzione. Di fatto, è bene scegliere una sola tinta accesa ed abbinarla a nuance neutre. Lo stile minimal predilige materiali di pregio, come la pelle. Da evitare però è l’effetto seconda pelle. Sono da preferire capi confortevoli dalla proporzioni over. Per chi punta alla massima eleganza, il look monocromo è l’ideale. Tale soluzione permette anche di allungare la silhouette.

Le più esperte possono anche pensare di creare un outfit d’effetto, accostando sapientemente nuance della stessa palette. Infine, è bene ricordare che anche le lunghezze sono importanti. Dunque, è consigliabile evitare di indossare capi troppo corti: i vestiti e le gonne devono essere sempre portati al polpaccio. Se si seguono queste poche regole è difficile sbagliare. Dunque, non aspettare oltre, prova anche tu ad adottare un raffinato stile minimal.

Potrebbe interessarti anche:
Personal shopper: una professione in forte aumento

Loading...