Materassi a molle insacchettate per dormire meglio

14
CONDIVIDI

Quando giunge il momento di acquistare un nuovo materasso le possibilità sono davvero tante e non è sempre facile orientarsi nella scelta. Uno dei tipi più diffusi ed apprezzati è certamente il materasso a molle insacchettate, il quale rappresenta una valida alternativa al memory foam, al lattice e alle molle tradizionali.

Prima però di scegliere i materassi a molle insacchettate, è necessario fare un’attenta e puntuale valutazione delle sue caratteristiche tecniche, in modo tale da poter individuare l’esemplare più idoneo per le proprie esigenze. Dunque, è molto importante capire come sono strutturati i migliori materassi a molle insacchettate per poter fare un acquisto consapevole e non commettere errori.

Materassi a molle insacchettate in offerta: come sono fatti

Per comprendere quali sono i migliori materassi a molle insacchettate è indispensabile conoscere a fondo i principali aspetti tecnici che definiscono questa varietà. Innanzitutto, è bene dire che il materasso a molle insacchettate è anche noto come materasso a molle indipendenti, in quanto al suo interno presenta un numero di molle variabile secondo il modello specifico.

Questo sistema impedisce alle molle stesse di incastrarsi tra loro, evitando così danni al materasso. Inoltre, questo meccanismo consente di avere un supporto più ergonomico e confortevole. In poche parole, i materassi a molle insacchettate sono l’evoluzione moderna dei classici materassi a molle ortopedici.

Le molle dell’imbottitura possono essere di tipo standard o micro e sono solitamente realizzate in acciaio. Ognuna è contenuta all’interno di un sacchetto trasparente e traspirante. Va detto che le molle sono molto silenziose ed essendo isolate tra loro, si muovono in maniera indipendente rispetto alle sollecitazioni esercitate da chi dorme sul materasso.

Ecco, quindi, che i migliori materassi a molle insacchettate hanno differenti livelli di portanza, che in media sono quasi sempre 7, ma si può arrivare fino a 9 o 11. Per quel che riguarda poi il numero di molle, un materasso di buona qualità deve averne almeno 400 per il singolo e 700 per quello matrimoniale. In realtà, in commercio si possono incontrare materassi da 1.500 molle e per gli esemplari più costosi si può arrivare anche a 3.000-6.000 molle.

I migliori materassi a molle insacchettate: quali vantaggi offrono?

I materassi a molle insacchettate in offerta su www.emma-materasso.it hanno una struttura altamente tecnologica, frutto di anni di studi e sviluppo volti ad offrire un giusto riposo. Non a caso forniscono una lunga serie di benefici per chi li acquista:

  • Traspirabilità: lo spazio cavo che accoglie le molle all’interno del materasso consente di avere una circolazione dell’aria ottimale, dissipando il calore in eccesso. Non ci saranno problemi di ristagni e umidità che possono favorire la proliferazione di muffe, acari e microrganismi.
  • Comodità: i materassi a molle insacchettate garantiscono sempre diverse zone a portanza differenziata che rendono la lastra più confortevole ed efficiente. Generalmente per questa tipologia è meglio puntare su materassi con uno spessore compreso tra 23 e 30 cm.
  • Anallergici: questi materassi sono perfettamente traspiranti e proprio il basso grado di umidità li rende anallergici. L’ambiente dell’imbottitura contrasta la diffusione degli acari e della polvere. Ecco perché il materasso a molle insacchettate è indicato per chi soffre di allergie e patologie respiratorie.
  • Rapporto qualità/prezzo: al momento di comprare un nuovo materasso, il fattore economico ha la sua importanza. I materassi a molle insacchettate assicurano un ottimo rapporto qualità/prezzo rispetto al memory e al lattice, in media più costosi.

Migliori materassi a molle insacchettate: come preservarne l’integrità

I materassi matrimoniali a molle insacchettate in offerta hanno comunque bisogno di una certa cura ed attenzione, come qualsiasi altro materasso. Modelli del genere sono consegnati spesso arrotolati ed è compito dell’acquirente farli tornare alla forma naturale nelle successive 24-48 ore. È consigliabile disporre il materasso su una base orizzontale piatta e dura, così che possa riacquistare il suo aspetto originale.

È preferibile non conservalo in posizione verticale per troppo tempo in quanto il peso stesso potrebbe esercitare una pressione eccessiva sugli angoli, danneggiandoli. Una volta che i materassi a molle insacchettate hanno ritrovato la propria forma, non dovranno più essere piegati. Per finire, è buona norma girare a cadenza regolare il materasso, magari ogni 3-4 mesi. Ciò è utile per mantenere inalterate le caratteristiche su entrambi i lati.