Coppetta mestruale: che cos’è, come si utilizza e quali sono i pro ed i contro

42

Ormai da qualche anno, il mercato si è aperto ad un nuovo prodotto femminile: la coppetta mestruale. Si tratta i una piccola coppa flessibile realizzata in silicone o gomma lattica. Essa, di fatto, non assorbe il lusso come i tradizionali tamponi o assorbenti, bensì lo raccoglie. Non l’hai ancora provata? Ecco, alcune notizie fondamentali relative a questo particolare prodotto, che è stato inventato per le donne che soffrono a causa del contatto costante della pelle con l’assorbente.

Tale invenzione è rivoluzionaria soprattutto d’estate, anche perché non si vede e non si sente, e consente di andare senza problemi al mare o in piscina. La maggior parte delle coppette mestruali sono riutilizzabili. Tuttavia, esistono anche dei modelli usa e getta. Anche la capacità può essere differente, anche perché il flusso mestruale non è uguale per tutte le donne: in alcuni casi è abbondante, in altri lieve.

Come si utilizza la coppetta mestruale

Inserire la coppetta mestruale è davvero semplice, in quanto è sufficiente piegarla a C, rilassare i muscoli pelvici, inserirla nel canale vaginale e ruotarla leggermente. Se posizionata correttamente non dovrebbe creare fastidio e, addirittura, non si dovrebbe sentire. Si tratta di un prodotto sicuro e facile da utilizzare, tant’è che una volta inserita dovrebbe creare un sigillo, in grado di evitare eventuali perdite.

Per quanto riguarda la rimozione, basta tirare il gambo che sporge dal fondo e pizzicare la base, così da rilasciare il sigillo. Una volta fuori, nel caso delle coppette mestruali riutilizzabili, è necessario svuotarle, lavarle con acqua e sapone e inserirle nuovamente.

Terminato il ciclo, è possibile sterilizzarle in acqua bollente e riporle nel loro apposito astuccio, fino al prossimo utilizzo. In generale si consiglia di prevedere allo svuotamento almeno 2 volte al giorno, ma molto dipende dal tipo di flusso con cui si ha a che fare. Per quanto riguarda l’acquisto, è possibile orinarle online o ricercarle in farmacia.

I vantaggi e gli svantaggi della coppetta mestruale

Se pensiamo che le coppette mestruali siano una scoperta recente, ci sbagliamo, in quanto sono in circolazione dagli anni ’30. Tuttavia, hanno preso piede solo recentemente e vengono molto apprezzate anche perché hanno un prezzo d’acquisto davvero ridotto. Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di tale innovativo prodotto legato al mondo femminile?

Vantaggi

  • É economica ed ecocompatibile: una coppetta mestruale riutilizzabile costa dai 15 ai 30 euro e può durare fino a 10 anni.
  • Può essere indossata a lungo: i tradizionali assorbenti devono essere sostituiti ogni 4-8 ore, a seconda del flusso. La coppetta mestruale, invece, può rimanere addosso anche 12 ore.
  • Ha un’eccellente tenuta: può contenere il doppio di un tradizionale assorbente.
  • Consente di fare sesso: alcune coppette mestruali, soprattutto quelle morbide e usa e getta, sono progettate per permettere i rapporti sessuali. Infatti, ricordano un diaframma, il che consente di evitare perdite di sangue durante l’amplesso ed il proprio partner non dovrebbe sentirla.
  • Produce meno odore: solitamente, il sangue mestruale tende a puzzare a contatto con l’aria. Le coppette mestruali, invece, formano un sigillo ermetico anti-odore.
  • É sicura: in quanto evita il rischio di andare incontro a infezioni batteriche. Inoltre, non andando a contatto con la pelle, non genera irritazioni o eruzioni cutanee.

Svantaggi

  • La rimozione può essere problematica: in quanto, in posizione seduta, è necessario spostare i muscoli pelvici verso il basso. Quindi, sollevare ed afferrare il gambo, pizzicare la base per rompere il sigillo e cercare di non farla rovesciare. Inoltre, una volta tolta deve essere lavata.
  • Può interferire con un dispositivo intrauterino (IUD): in quanto è possibile che la coppetta vada a spostarlo.
  • Può essere difficile trovare la misura giusta: in commercio esistono coppette di diverse dimensioni, a seconda del flusso, dell’età e dell’aver avuto un figlio o meno. Tuttavia, trovare la misura più giusta può essere complicato, soprattutto per chi ha la cervice bassa o l’utero inclinato.
  • Può causare irritazione: in particolar modo se non la si lava bene e non la si svuota più volte al giorno.