Caffè in capsule: storia italiana di un fenomeno pop

29
CONDIVIDI

Dalla sua entrata in commercio, il caffè in capsule ha subito rubato una grossa fetta di mercato, tant’è che negli ultimi anni il numero di consumatori è raddoppiato, con un boom negli Under 35. Le capsule spiccano per comodità e rapidità, caratteristiche che velocemente gli hanno consentito di diventare più di una semplice alternativa alla classica moka.

Non a caso, la diffusione delle capsule è massima nelle zone in cui è più alta la percentuale di occupazione e di conseguenza, dove è minore la disponibilità di tempo libero per prepararsi una moka.

Le capsule nascono nel 1984, ma il suo boom risale a qualche anno dopo, quando fece il suo ingresso nel mondo del “porzionato” il gruppo Nestlè, che lanciando Nespresso ha conseguito fortuna immediata.

La fortuna della linea Nespresso è da attribuire maggiormente al fatto che è riuscita a creare un nuovo bisogno nei consumatori, grazie a un’impeccabile utilizzo della pubblicità. Sapiente l’etichetta che è stata data al prodotto, ovvero quella di lusso accessibile a tutti. Negli anni seguenti sempre più produttori si sono dedicati alle capsule, tra cui Bialetti.

Bialetti è uno dei brand italiani più famosi a livello internazionale ed il suo nome è legato a quello della Moka. Fu proprio Bialetti nel 1933 ad inventare la Moka Express destinata a modificare il modo di preparare il caffè e la vita delle persone. Nel 2006 per rimanere al passo con i tempi e le mode, la Moka viene rinnovata e rivoluzionata diventando uno strumento innovativo e all’avanguardia mantenendo sempre il classico e inconfondibile design: nasce la Mokona che consente di preparare espressi con cialde, caffè in capsule e caffè macinato, tre in uno.

Con Mokona, Bialetti riesce ad entrare con prepotenza nel mercato delle capsule e nel 2010 propone le capsule caffè d’Italia, un vero e proprio viaggio a traverso le tradizioni italiane del caffè. Bialetti utilizza solo il miglior caffè in capsule rigorosamente in alluminio riciclabile, ognuna contenente 7 grammi di prodotto come richiesto per la preparazione di un ottimo espresso.

A prescindere dalla propria macchinetta è possibile gustare un prodotto d’eccellenza come il caffè Bialetti. Infatti il brand celebre per l’invenzione della moka offre gustose miscele di caffè e lo fa anche nel pratico e moderno formato capsula. Ci sono le capsule Bialetti per le macchine espresso del brand, ma anche le compatibili Nespresso e Dolce gusto.

Bialetti con la collezione caffè d’Italia offre l’opportunità di assaporare differenti aromi, tra cui:

– Palermo, caffè intenso e scurissimo, con spiccato gusto amaro e carico di energia;

– Venezia, miscela raffinata e dal corpo avvolgente, caffè unico dai sentori speziati e vanigliati;

– Milano, caffè espresso leggero e delicato che con origini 100% Arabica e le sue note di fiori e frutta secca regala un gusto morbido e dalla forte intensità aromatica;

– Torino, caffè espresso intenso, bilanciato dall’aroma delicato del cioccolato;

– Roma, caffè espresso equilibrato, dal gusto persistente;

– Napoli, miscela intensa e avvolgente dalla tostatura scura e dal corpo profondo, ricco di caffeina, regala un gusto intenso e corposo, dalle note tostate e dai leggeri sentori di cacao.

Nella gamma caffè d’Italia tra le capsule di caffè disponibili su bialetti.it, però, non ci sono solo i gusti legati alle tradizioni cittadine ma anche le capsule dei gusti Bio, Deca, Cioccolato, Nocciola, Orzo, Ginseng, Midnight, Vaniglia e Honduras, una miscela molto pregiata 100% Arabica, dal gusto dolce e delicato.  È stato ricavato da chicchi di caffè monorigine provenienti da un’unica piantagione situata sulle colline che circondano Santa Barbara, in Honduras.

Il suo gusto fruttato e fresco, con delicate note di agrumi e di ribes nero, regala un profilo aromatico unico e perfettamente equilibrato.

Le capsule Bialetti sono facilmente reperibili sia nei supermercati di ogni città italiana sia sul proprio sito, garantendo qualità a prezzi contenuti.

Loading...